Martedì 12 aprile 2016, dalle 21.00 - 23.00, a Casa Corsini , a Spezzano di Fiorano, Modena:

                 logo iaiaGi logo MAG6          logo casa corsini

Il denaro…….come se i progetti contassero qualcosa!”
E se il denaro potesse già essere, qui e ora, al servizio dei progetti e non viceversa?

Martedì 12 aprile 2016, dalle 21.00 alle 23.00, si terrà presso Casa Corsini, in via Statale 83 a Spezzano di Fiorano, Maranello, la seconda serata a tema aperta al pubblico organizzata dal gruppo di sviluppatori del progetto iaiaGi.

                                                  

> Se sei interessato ma non puoi partecipare di persona, clicca qui <<

E se fosse già possibile, qui e ora, essere parte di un’esperienza
di finanza ed economia al servizio dei progetti e non viceversa? 

Incontro con Luca Iori consigliere della cooperativa MAG6 di Reggio Emilia,
realtà di finanza mutualistica e solidale attiva da oltre venticinque anni. 

Una serata di riflessioni e proposte concrete
a partire dall’esperienza della Cooperativa Mag6 di Reggio Emilia

Gira voce che…

in un paese vicino a te, esistano persone che si sono messe insieme perché, chi ha un po’ di denaro da parte, possa prestarlo a chi ne ha bisogno, senza dover passare dalle banche, potendo così scegliere progetti e persone con cui  creare relazioni di conoscenza e fiducia, condividendo il valore sociale, ambientale, culturale, dell’attività da finanziare.

Gira voce che…

questo modo di fare finanza autogestita, metta in discussione concretamente alcuni capisaldi indiscutibili della finanza tradizionale, realizzando cambiamenti ritenuti “impossibili”, come ad esempio:

->definire insieme, finanziati e finanziatori, il costo ritenuto equo del prestito (in base al lavoro che richiede) per poi applicarlo a tutti i soggetti finanziati, indipendentemente dal potere contrattuale di ognuno;

->non vincolare la concessione del prestito alla presenza di garanzie reali, richiedendo garanzie basate su rapporti fiduciari, accompagnate dalla verifica congiunta della fattibilità economica, sociale, ambientale del progetto da realizzare;

->rifiutare la logica che il risparmiatore punti ad ottenere dal proprio risparmio il massimo rendimento possibile, puntando, come risultato dell’attività finanziaria, a poter beneficiare dei frutti dell’attività che si è andati a sostenere finanziariamente, in una logica di mutualità fra soci.

Gira voce che…

questa esperienza abbia creato una rete di relazioni basate sulla fiducia, che permetta di sperimentare, a fianco di un circuito finanziario autogestito, strumenti di scambio non monetario, come la condivisione gratuita di beni durevoli o esperienze che mettono in discussione il pensiero unico dominante del mercato, come la Rete Economica a Prezzo Agevolato.

Gira voce che…

senza fare tanto clamore, in oltre 25 anni di concreta e quotidiana esperienza, siano ormai più di 1400 le persone socie ed oltre 200 le realtà sostenute per la realizzazione dei loro progetti, attraverso prestiti o consulenza e formazione.

Ora, in una situazione di difficoltà sempre più esasperata,
nascono sempre più frequentemente domande di questo tipo: 

Ma non possiamo fare qualcosa di concreto per non lasciarci travolgere
 dall’invasione del mercato e della finanza in ogni ambito della nostra vita?”

Ci sono altre persone che hanno voglia, come me, di sostenere la realizzazione di progetti che siano a servizio del benessere della gente e non del profitto?”

Aggiungi commento




Anti-spam: complete the taskJoomla CAPTCHA